Vivere a Colori


"Vivere, vivere a colori e vivere, vivere a colori"  cantava Alessandra Amoroso nel 2016 ma, anche con i colori si parla di #Vintage....ebbene si... ed ora vi spiego il perché 😉

Vi ricordate quando eravate bambini, le prime cose che vi facevano scalpitare erano proprio i colori, poi appena siete diventati più grandicelli avete iniziato a prendere in mano i primi pastelli, pennarelli, acquerelli, penne...eh già... proprio quelle, le famose PENNE che, solo ad impugnarle ti facevano sentire un bambino grande (all'epoca ci si sentiva grandi con poco) anche se erano cancellabili😂





Con questa foto sono sicura che vi farò sobbalzare dalla sedia, perché chi ha vissuto negli anni '80 se le ricorda bene....❤
JOLLINA era diventata la penna #profumata più famosa e tutti ne andavano matti e il suo must, oltre alla profumazione, erano quei dischetti colorati antistress proprio a livello dell'impugnatura.
Io da piccolina ce l'avevo rosa, la adoravo e pazza com'ero già da piccola, la stringevo forte forte tra le dita e mi facevo venire i segni dei dischetti ( a ripensarci adesso mi chiedo il perché😁 )





Anche loro non sono da meno, e sono anche le penne che mi ricordo e che ho amato di più in assoluto, le super profumate penne FIORELLA... Queste penne erano favolose perché ad ogni #colore corrispondeva una #profumazione e da piccola appena facevo un tratto, mettevo la faccia sul foglio per non far scappare neanche un millesimo di profumo, le annusavo davvero allo sfinimento e immaginatevi voi quanto mi possano esser durate....proprio un nonnulla☺ 
Quelle che preferivo erano la #viola al gusto #uva e la #rosa al gusto #fragola.






E alla fine ci sono loro le inimitabili Paper Mate della Replay che ci hanno accompagnato nei momenti più belli della nostra infanzia....probabilmente sono anche le penne più indistruttibili della storia.
Loro hanno affrontato compiti 'ingrati' da casa a scuola e viceversa, sono state morsicate in ogni millimetro del loro corpo dal fondo, al tappo, al beccuccio, sono state succhiate (nel vero senso del termine) in ogni istante in cui stavamo facendo i compiti oppure eravamo in classe ad ascoltare la maestra,,,,,la gomma per cancellare o era talmente distrutta per aver cancellato chilometri di lettere o numeri o era stata sbranata nervosamente da noi piccole pesti; insomma hanno vissuto insieme a noi tanti bei momenti e come potete vedere io le conservo ancora; è vero non sono profumate ma sono colorate e a me i colori rendono #felice (quella azzurra che vedete in orizzontale è davvero un reperto archeologico ma scrive ancora😅)



Noi di #CasaSaky speriamo che questo tuffo nel passato vi abbia fatto affiorare ricordi meravigliosi, perciò vi auguriamo una buona domenica e non vi dimenticate, vi aspettiamo domenica prossima sempre alle ore 17.00 con un altro articolo della rubrica "Il The delle Cinque". 


#buonthe

Commenti

  1. Anche io adoravo le penne colorate, soprattutto quelle profumate che descrivi tu! Poi mi hai fatto ricordare di quanto massacravo le gomme, che ridere! Povere gomme approssimative!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano davvero un 'MUST HAVE' dell'epoca ....beh le gomme poverette erano la prima cosa che si distruggeva quando si era piccole....pensa, ti svelo una chicca , quando andavo alle medie che uscirono anche le penne gel io le avevo al profumo di pop corn e big bubble.....quanto avrei voluto mangiarle :-D

      Elimina
  2. Che meraviglia le penne colorate... Io adoravo, anzi, no, adoro ancora, quelle pennone giganti con dentro dieci colori ed i pulsantini da premere per cambiare tonalità. E poi sai qual'era il mio dramma da piccola? Lasciare un pennarello inavvertitamente aperto nell'astuccio... Quando tornavo a casa era tutto macchiato! :-O

    RispondiElimina

Posta un commento

Articoli