"Se Telefonando..."



"Se telefonando io potessi dirti basta, ti chiamereiiiiiiiiii" cantava la meravigliosa Mina.
Già il Telefono, ma quale? Il cellulare....? Ma assolutamente no; si parla di telefono quello che alla cornetta aveva attaccato il filo, sia che fosse quello di casa o che fosse la così tanto bramata cabina arancione.....e oggi parliamo proprio di LEI! 







Lei si che ha fatto la storia.
Quante orecchie e labbra avrà visto? quante conversazioni avrà udito? Quante #monetine e #schede telefoniche avrà mangiato nell'arco della sua esistenza? 
Di domande me ne porrei a iosa e la risposta sarebbe comunque "un numero infinitesimale"😂

Anche la nostra cara cabina della Sip si è evoluta nel tempo come d'altronde ogni cosa che ci circonda.
Il periodo in cui si usavano i gettoni me lo ricordo a frammenti anche perché, chi è della nostra generazione, ha utilizzato in modo maniacale le classiche schede telefoniche; ne parlo come se tutti le conoscessero ma le nuove generazioni sicuramente non ne avranno mai vista una dal vivo. 


Mamma mia carissimi lettori, quanti ricordi che affiorano; ricordo come se fosse ieri la mamma che mi portava in paese per stare un po' con le amichette e che quando mi lasciava giù mi diceva "Mi raccomando, chiamami che ti vengo a prendere" e di certo noi i cellulari ancora non li avevamo e quindi c'era solo cabina esterna da cui la potevi chiamare e lei che aspettava con ansia a casa attaccata al telefono fisso nell'attesa di un suo squillo ...
Vogliamo parlare anche della fase teppismo che, da piccoli birbanti quali eravamo (e non tanto io quanto quel pazzo di mio fratello e i suoi amici) prendevano l'elenco del telefono posto dentro la cabina e a caso componevamo un numero per fare qualche scherzo....

Ma per noi ragazze la cabina arancione era fondamentale per chiamare le amiche e fare delle lunghe chiacchierate per poi mettersi d'accordo sull'ora e il luogo per l'uscita successiva.



Piano piano, crescendo, in casa abbiamo deciso di #collezionare le schede telefoniche ed infatti abbiamo creato un bel quaderno ad anelli con cartelline trasparenti porta tessere; tutti quelli che ci conoscevano ce le tenevano, dal fornaio del paese alla fruttivendola passando per tutti gli altri negozianti e quelle che non trovavamo le andavamo a comprare ai vari mercatini oppure le scambiavamo con gli amichetti. [Ai lati foto originali di alcune tessere] se dovessi mostrarvele tutte non basterebbe solo questo articolo😎
Magari tra quelle che abbiamo ce ne sarà qualcuna che vale un po' di soldini??? Mah, chi lo sa  😆



Per non farci mancare nulla ci siamo anche divisi i compiti: mio fratello si occupava della collezione italiana ed io invece di quella estera (già da piccola volevo essere figlia del mondo😂).
Grazie a mia zia, che viaggiava tantissimo e aveva molti amici sparsi per il mondo, è stato possibile riuscire ad aumentare anche questa collezione che, per noi bambini quasi ragazzini, era davvero difficile da fare. Le mie preferite ovviamene sono le tessere spagnole con foto di animali e quelle giapponesi (ora capisco la mia passione per il Giappone😎)




 Insomma che dire, di collezioni ne abbiamo fatte a bizzeffe, chissà se qualche reperto archeologico mi tornerà tra le mani così da potervelo mostrare.....ovviamente spero proprio di si ❤


Da #CasaSaky anche per oggi è tutto, vi aspettiamo domenica prossima con un nuovo articolo della rubrica "Il The delle Cinque"

#bacibaci

Commenti

  1. Le schede telefoniche, quanti ricordi! Ho ancora la collezione e anche io ne avevo qualcuna (poche) estere! Noi le andavamo a cercare nelle varie cabine, alcuni le lasciavano lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi in casa ci siamo divisi gli album perché stavano davvero iniziando ad essere tante :-) onestamente non ho contato quante ne ho tra italiane e estere ...ti dico solo che delle estere ho anche quelle con Leonardo di Caprio con le scene del Titanic...mamma mia :-)

      Elimina
  2. Io avevo una collezione di schede telefoniche pazzesca, io e mio padre ci tenevamo un sacco, erano tutte catalogate in un raccoglitore e c'erano anche dei pezzi rari.
    Un bel giorno il raccoglitore è scomparso da casa, senza motivo, in concomitanza con una delle giornate in cui mamma aveva i suoi ragazzi del doposcuola...mai più ritrovato :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nuoooooooooooooo panicooooooooooooo....poi quando sei affezionata alla tua collezione e tra il chiaro e lo scuro non la ritrovi più è panico....e anche tanta amarezza per l'impegno che uno ci aveva messo a farla crescere così tanto.....:-(

      Elimina

Posta un commento

Articoli